SEARCH SITE BY TYPING (ESC TO CLOSE)

00,00

CARRELLO

Skip to Content

SCROLL DOWN
PREMIERE WINE

Tradizione ed innovazione

Ricerca ed evoluzione continua, con lo scopo di unire tradizione ed innovazione.

Guidata da Francesco Patrignani e Daniele Cristiano, Première viene fondata nel 2021, con il desiderio di esprimere qualità legata all’eleganza.

premiere-contatti

Una tradizione antica, che richiede studio e passione, per essere compresa ed apprezzata.

Il progetto nasce, dopo anni di studio, nel cuore delle Marche con l’obbiettivo di selezionare le migliori terre italiane di massima evocazione qualitativa del Franciacorta DOCG, Prosecco DOC e la terra francese dello Chamapagne, uniti dall’amore e dalla passione per gli spumanti, in tutte le sue sfumature.

Una storia di tradizione ed innovazione
il nostro

Chardonnay

Lo Chardonnay, varietà a bacca bianca molto pregiata, è ormai coltivato in Franciacorta da alcuni decenni e attualmente occupa oltre 2.000 ettari di terreni a vigneto che corrispondono a circa l’80% della superficie totale. La pianta dello Chardonnay è caratterizzata da medio vigore, ha foglie verde chiaro, grappolo caratteristico di colore verdastro tendente al giallo, mediamente compatto e con acini dotati di buccia robusta e spessa. Il vino ottenuto da questo vitigno è dotato di ottima consistenza, aroma intenso, fragrante e complesso, con sentori varietali di frutta e di fiori, buona struttura e piacevole freschezza. Lo Chardonnay è impiegato soprattutto nella produzione di vini-base del Franciacorta DOCG


il nostro

Pinot Nero

Il Pinot Nero è il secondo vitigno per diffusione in Franciacorta e occupa circa il 15% della superficie totale. Questo vitigno, la cui culla è la Borgogna, ha una variabilità comportamentale che lo porta a volte a interagire in modo imprevedibile con l’ambiente in cui è impiantato ma può dare grandi risultati sia vinificato in rosso che spumantizzato.
La pianta del Pinot Nero è abbastanza robusta e rustica, con foglie normalmente lobate e/o pentalobate, di colore verde scuro, con grappolo a pigna, molto serrato e di dimensioni ridotte. Il Pinot Nero è impiegato soprattutto nei Millesimati e nelle Riserve del Franciacorta DOCG, ai quali offre struttura e longevità; è inoltre un componente indispensabile per le cuvée del Franciacorta Rosé, nelle quali deve rappresentare almeno il 35%.


tasting-rosé
uva-premiere
VIGNETO

Il nostro metodo

Le forme di allevamento sono la testimonianza storica dell’evoluzione del vigneto e della tecnica colturale che avviene in un territorio, ed in Franciacorta per diversi anni sono coesistite diverse forme di allevamento, a seconda dell’età dell’impianto, testimonianza di un processo di rinascita viticola che per trent’anni, tra gli anni ’70 e gli anni ’90, ha portato questo territorio a cambiamenti rapidi e significativi da un punto di vista qualitativo e paesaggistico.

Oggi non è più in discussione che il fattore “qualità delle uve” passi attraverso una contenuta produzione a ceppo, nell’ordine di 1.5-2Kg. L’attuale disciplinare impone le forme di allevamento a spalliera, con potatura a guyot o cordone speronato, e una densità minima di 4.500 piante per ettaro. Il regolamento consortile, come sempre, è più restrittivo indicando un investimento minimo di 5.000 piante per ettaro.

uva-bianca

Bere del vino è bere del genio.

to-topto-top